sabato 19 ottobre 2013

UN'AVVENTURA NEGLI STATES a cura di Andrea Bianchi

Eccomi al mio primo articolo, speriamo il primo di una lunga serie!
Partiamo dall’inizio:
Circa un anno e mezzo fa, la voglia di imparare una nuova lingua e una nuova cultura mi ha portato a prendere la decisione di frequentare la quarta superiore negli Stati Uniti, e nonostante sognassi una sistemazione nelle Rockies o a Cape Cod, il destino mi ha accasato a Columbus, Indiana.
Qui ho avuto la possibilità di prendere a mosca diverse specie di pinnuti.
In fiume mi sono divertito con Smallie (Smallmouth Bass ), Freshwater Drum (un cugino del Black Drum che si pesca sulle flats nel sud degli states), e Suckers, il fratellone sotto steroidi del nostro barbo.
Negli innumerevoli laghetti della zona le prede più comuni sono il Black Bass, Bluegill e Crappie, raramente qualche pesce gatto, anche a secca!
Durante le vacanze di Natale, ho avuto la fortuna di poter incontrare la mia famiglia nel sud della Florida, ed essendo anche mio papà un pescatore a mosca, abbiamo avuto la possibilità di fare un paio di uscite di pesca con guida più un paio di ore ritagliate dalla famiglia pescando da riva.
La prima possibilità di scappottare l’ho avuta a Cape Florida, l’estrema punta sud di Key Biscayne, dove in un’oretta ho avuto un inseguimento di un piccolo Barracuda e ho sbagliato un sacco di Hound Fish, molto difficili da ferrare a causa della loro strana bocca.
Il giorno seguente guidando verso Key West ci siamo fermati una mezza giornata a Bahia Honda, una delle spiagge più belle  e famose degli Stati Uniti.
Anche se Bahia Honda è conosciuta tra gli Anglers di tutto il mondo per il passo dei Tarpon in primavera, gli unici pesci che sono riuscito a prendere sono stati due Queenfish pescando dal kayak in blind cast su una flat  di turtle grass misto a sabbia profonda circa due metri, e un bellissimo ma piccolissimo Pork Fish nella Marina
Il giorno dopo, di mattina presto, usciamo con guida e assistiamo ad una bellissima alba!
La guida ci porterà vicino a un relitto sommerso e sempre pescando in blind cast prenderemo Cero mackerel ( quando sono più veloci di squali e barracuda  ) cernie e Yellowtail snapper.
Dopo un po’ di ‘pescetti’ , la guida ci fa segno che è ora di andare a cercare qualcosa di più ‘impegnativo’…. Non rifiutiamo, ci spostiamo di parecchie miglia al largo su una battimetrica tra i 50 e i 120 metri, cercando segni di mangianza con l’ecoscandaglio e lanciando clouser minnow lanciati da code affondanti da 500 grains.
La prima mangiata ci mette un po’ ad arrivare, ma il pesce è molto bello.

Preso  questo passo la canna al papi e dopo un paio di minuti il backing che si srotola a una velocità impressionante ci fa capire che un altro pesce è stato ingannato dalle nostre mosche!
Ancora un altro passaggio di canna e un altro pesce si attacca il mio clouser, il banco è proprio intorno a noi, eccitato dalla grande quantità di ballyhoo presenti in questo spot.
Anche questa giornata è finita, ma il giorno seguente ci aspetta una giornata sulle flats!
Il Ritrovo è alle 8, e dopo circa 20 di navigazione siamo in pesca su una flat di turtle grass misto a scoglio profonda circa 2-3 metri, dove prenderemo tante specie diverse, snapper, cerniette, ladyfish, sea trout… tutti molto divertenti con la #7.
Anche qui, dopo un paio d’ore, la guida ci fa segno che è ora di andare a cercare qualcosa di più importante…. Permit!
La marea è ancora bassa e le uniche forme di vita che vediamo sulle flats sono un sacco di razze, purtroppo non seguite da Permit o Jack.
Quando la marea incomincia a salire finalmente i Permit si fanno vedere in tailing, e alla fine della giornata sarò riuscito a lanciare il mio crab sette volte vicino a sua maestà e in un occasione il Permit ha deciso di dare un’occhiata più da vicino alla mia mosca, seguendola mentre la strippavo, senza però assaggiarla!
L’adrenalina è comunque molta e l’emozioni che ho provato lanciando su dei pesci così belli in tailing non me le dimenticherò mai.
A un certo punto si fa vedere uno squaletto, e lanciando in backcast gli piazzo il crab un paio di metri davanti al muso, qualche strippata e strike!

Purtroppo anche questa vacanza è finita, ed è ora di salutare la mia famiglia e tornare al freddo in Indiana.

Grazie a tutti per a vostra attenzione!

Andrea Bianchi


( un grosso Sucker del fiume Driftood)


( Un Drum del Fiume Ohio)


( Un Bluegill su un piccolo terrestre)
( uno SmallMouth del fiume Driftwood)
( Un piccolo Bass, sempre divertenti con la coda 3! )
(Channel Catfish caduto su un imitazione di Blueberry )

( un Cero Mackerel di 7 libbre per il papi )
( il mio primo pesce in florida, un piccolo Hound fish su un clouserino )
( Un gummy minnow recuperato pianissimo ha ingannato questo Pork fish )
( eccomi incannato )



  
(Splendido Tramonto)
( Strawberry Grouper )
( ed ecco il pesce!! )



( è il pesce che cercavamo, il più grande che abbia mai preso a mosca )
( ecco il primo Kingfish di mio papà! )


( ormai questo clouser è inutilizzabile! )
( una cernietta su un deceiver)

( la taglia media dei ladyfish, pesci molto divertenti e, a onor del vero, semplici da prendere a mosca )


( la guida in azione)
( e io pronto a lanciare)
( una delle innumerevoli razze)


( un Bonehead shark, che qui chiamano bonefish dei poveri )



2 commenti:

MrOnlyfly ha detto...

Ottima avventura bella Andre e belle foto!

Luca Rossetti ha detto...

Bellissimo articolo e foto! Il miglior pescatore internazionale!

Cronologia post